Quali informazioni fornisce un istogramma che un boxplot non fornisce?

Chiesto da: Konstantine Herbschleb | Ultimo aggiornamento: 20 marzo 2020
Categoria: tecnologia e informatica animazione al computer
4.2/5 (1,328 Visualizzazioni . 15 Voti)
Nel caso univariato, i grafici a scatola forniscono alcune informazioni che l' istogramma non fornisce (almeno, non esplicitamente). Cioè, in genere fornisce la mediana, il 25° e il 75° percentile, min/max che non sono valori anomali e separa esplicitamente i punti considerati valori anomali.

Allo stesso modo ci si potrebbe chiedere, cosa mostrano i boxplot che gli istogrammi non mostrano?

Gli istogrammi danno un buon senso della distribuzione di una variabile. I box plot tentano di fare la stessa cosa, tuttavia, non danno un'immagine buona della distribuzione di questa variabile.

Sappi anche, quali informazioni fornisce il box plot? Un boxplot è un modo standardizzato di visualizzare la distribuzione dei dati in base a un riepilogo di cinque numeri ("minimo", primo quartile (Q1), mediana, terzo quartile (Q3) e "massimo"). Può dirti quali sono i tuoi valori anomali e quali sono i loro valori.

Inoltre, quando sceglieresti un box plot invece di un istogramma?

Se questi dati fossero stati semplicemente rappresentati graficamente utilizzando un box plot , i valori si sarebbero mediati l'un l'altro, facendo apparire la distribuzione approssimativamente normale. Un altro caso in cui un istogramma è preferibile rispetto a un box plot è quando c'è una variazione molto piccola tra le frequenze osservate.

Come si interpretano i dati di un istogramma?

Come interpretare la forma dei dati statistici in un istogramma

  1. Simmetrico. Un istogramma è simmetrico se lo tagli a metà e i lati sinistro e destro assomigliano a immagini speculari l'uno dell'altro:
  2. Inclinato a destra. Un istogramma destro inclinato sembra un tumulo sbilenco, con una coda che va verso destra:
  3. Inclinato a sinistra.

36 risposte alle domande correlate trovate

Quali sono i vantaggi di un istogramma?

Alcuni dei vantaggi dell'istogramma sono: L' istogramma rende il nostro compito più facile identificare dati diversi, la frequenza dei dati che si verificano nel set di dati e categorie che sono difficili da interpretare in forma tabellare. Aiuta a visualizzare la distribuzione dei dati.

I boxplot mostrano la varianza?

1 risposta. Un boxplot illustra l'intervallo e l'intervallo interquartile (IQR), entrambi misure della variazione in un set di dati. Generalmente l'intervallo è considerato troppo facilmente influenzabile da valori estremi, quindi si preferisce l'IQR. È possibile , tuttavia, stimare la varianza da un boxplot .

Quando useresti un istogramma?

La differenza principale è che un istogramma viene utilizzato solo per tracciare la frequenza delle occorrenze del punteggio in un set di dati continuo che è stato diviso in classi, chiamate bin. I grafici a barre, d'altra parte, possono essere utilizzati per molti altri tipi di variabili, inclusi i set di dati ordinali e nominali.

Cosa ci dicono gli istogrammi?

Una distribuzione di frequenza mostra la frequenza con cui si verifica ogni diverso valore in un insieme di dati. Un istogramma è il grafico più comunemente usato per mostrare le distribuzioni di frequenza. Assomiglia molto a un grafico a barre, ma ci sono importanti differenze tra loro.

Qual è la differenza tra un grafico a barre e un istogramma?

Un istogramma rappresenta la distribuzione di frequenza delle variabili continue. Al contrario, un grafico a barre è un confronto diagrammatico di variabili discrete. L'istogramma presenta dati numerici mentre il grafico a barre mostra dati categoriali. L' istogramma è disegnato in modo tale che non ci sia spazio tra le barre .

Come si costruisce un istogramma?

Per creare un istogramma, segui questi passaggi:
  1. Sull'asse verticale, posiziona le frequenze. Etichetta questo asse "Frequenza".
  2. Sull'asse orizzontale, posizionare il valore inferiore di ciascun intervallo.
  3. Disegna una barra che si estende dal valore più basso di ogni intervallo al valore più basso dell'intervallo successivo.

Come fai a sapere se un boxplot è distorto?

I dati distorti mostrano un boxplot sbilenco, in cui la mediana taglia la scatola in due parti disuguali. Se la parte più lunga del riquadro si trova a destra (o sopra) la mediana, i dati si dice che siano distorti a destra. Se la parte più lunga è a sinistra (o sotto) la mediana, i dati sono distorti a sinistra.

Quali sono i vantaggi di un box plot?

Vantaggi dei boxplot
Visualizza graficamente la posizione e la diffusione di una variabile a colpo d'occhio. Fornire alcune indicazioni sulla simmetria e sull'asimmetria dei dati. A differenza di molti altri metodi di visualizzazione dei dati, i grafici a scatole mostrano valori anomali.

Perché dovresti usare un dot plot?

I dot plot sono un tipo di visualizzazione grafica che può essere utilizzata per mostrare una distribuzione dei dati. Essi sono semplici da creare e fornire informazioni utili come gamma, la forma e la modalità di un insieme di dati. Sono utilizzati per dati univariati quando la variabile è categoriale o quantitativa.

Come trovi i quartili?

I quartili sono i valori che dividono un elenco di numeri in quarti: Metti in ordine l'elenco di numeri. Quindi tagliare l'elenco in quattro parti uguali. In questo caso tutti i quartili sono compresi tra numeri:
  1. Quartile 1 (Q1) = (4+4)/2 = 4.
  2. Quartile 2 (Q2) = (10+11)/2 = 10,5.
  3. Quartile 3 (Q3) = (14+16)/2 = 15.

Quali sono le somiglianze e le differenze tra un istogramma e una tabella di frequenza?

In un istogramma è possibile utilizzare gli stessi intervalli utilizzati per la tabella delle frequenze . Le barre nell'istogramma non avranno spazio tra di loro. L' istogramma mostra le stesse informazioni della tabella delle frequenze . Tuttavia, l' istogramma è un tipo di grafico , il che significa che è una rappresentazione visiva.

Come si legge un box plot nelle statistiche?

Cos'è un boxplot?
  1. Il minimo (il numero più piccolo nel set di dati).
  2. Il primo quartile, Q 1 , è l'estrema sinistra della scatola (o l'estrema destra del baffo sinistro).
  3. La mediana è mostrata come una linea al centro del riquadro.
  4. Terzo quartile, Q 3 , mostrato all'estrema destra del riquadro (all'estrema sinistra del baffo destro).

Che tipo di grafico è appropriato per mostrare le frequenze cumulative?

La frequenza cumulativa viene utilizzata per determinare il numero di osservazioni che si trovano al di sopra (o al di sotto) di un determinato valore. 4. Il grafico a barre: i grafici a barre sono utili per confrontare classi o gruppi di dati.

Come trovi q1 e q3?

Q1 è la mediana (la metà) della metà inferiore dei dati e Q3 è la mediana (la metà) della metà superiore dei dati. (3, 5, 7, 8, 9), | (11, 15, 16, 20, 21). Q1 = 7 e Q3 = 16. Passaggio 5: sottrarre Q1 da Q3 .

Quando useresti una trama di scatole e baffi?

Quando usare una trama a scatola e baffi?
Utilizzare i grafici a scatola e baffi quando si dispone di più set di dati da fonti indipendenti che sono in qualche modo correlati tra loro. Gli esempi includono: punteggi dei test tra scuole o classi. Dati prima e dopo un cambiamento di processo.

Come si trovano gli outlier in un box plot?

Per essere un valore anomalo, il valore dei dati deve essere:
  1. maggiore di Q3 di almeno 1,5 volte l'intervallo interquartile (IQR), o.
  2. inferiore a Q1 di almeno 1,5 volte l'IQR.

Come si costruisce un grafico a dispersione?

Procedura del diagramma a dispersione
  1. Raccogli coppie di dati in cui si sospetta una relazione.
  2. Disegna un grafico con la variabile indipendente sull'asse orizzontale e la variabile dipendente sull'asse verticale.
  3. Guarda lo schema dei punti per vedere se una relazione è ovvia.
  4. Dividi i punti del grafico in quattro quadranti.